È tempo di open day e della scelta della scuola superiore. E se fosse un istituto ad indirizzo moda? Le opportunità non mancano, ci sono gli istituti tecnici, professionali e i licei artistici.

A tal proposito, può essere d’aiuto il progetto di orientamento Storie di futuro – Made in Italy, iniziativa dedicata alle ragazze e ai ragazzi alle prese con la scelta della scuola superiore ad indirizzo moda.

Questo progetto nasce dalla volontà di Holding Moda, polo produttivo del lusso Made in Italy,  dalla sua scuola di specializzazione Accademia Holding Moda, ed è promosso da Holding Industriale (Hind).

Moda e scuola superiore, la mappa degli istituti

Il progetto Storie di futuro – Made in Italy si rivolge direttamente ai giovani e alle famiglie attraverso il sito storiedifuturo.it, un canale ricco di informazioni e contenuti utili con una sezione specifica dedicata alla mappatura degli istituti tecnici, professionali e dei licei artistici presenti nelle 6 regioni dei distretti tessili del Made in Italy: Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche e Campania.

Basta cliccare alla voce “esplora” e procedere alla ricerca per regione, provincia e tipologia di istituto scolastico. A seconda della scelta, viene fornita una breve descrizione del percorso offerto dall’istituto e il collegamento diretto per approfondire.

Sul sito anche un test di autovalutazione che prende in considerazione i tre settori che caratterizzano il settore moda Made in Italy: manualità artigianale, digitalizzazione e sostenibilità. Alla fine del test, l’indirizzo della scuola consigliato.

Inoltre, ci sono una serie di videointerviste dove i professionisti delle aziende del Gruppo Holding Moda raccontano la propria esperienza e percorso professionale.

Il progetto si rivolge anche alle scuole e propone un corso di formazione per i docenti della durata di 15 ore. Il corso è curato dall’ente formatore La Fabbrica che ha collaborato alla realizzazione del progetto. All’interno di questo percorso, gli studenti avranno l’opportunità di avere un contatto diretto con professionisti e manager del gruppo Holding Moda attraverso incontri in classe e visite alle aziende del territorio.

Entro il 2027: 80mila posti di lavoro

L’iniziativa Storie di futuro – Made in Italy nasce per promuovere tra le giovani generazioni le potenzialità e le prospettive lavorative del comparto tessile, moda e accessori. Un settore trainante dell’economia italiana che, stando agli ultimi dati di Confindustria Moda, nel 2022 è al secondo posto per occupati e con fabbisogni occupazionali in crescita. Infatti, secondo le stime, tra il 2023 e il 2027 la filiera moda avrà bisogno di quasi 80mila lavoratori.

Il comparto manifatturiero della moda, inoltre, è un settore in rapida evoluzione e i profili più ricercati sono individuabili – secondo Confindustria Moda – in tre ambiti: operativo tradizionale, digitale e della sostenibilità.

Eppure, nonostante le forti potenzialità e le interessanti prospettive, il comparto tessile, moda e accessori non riesce ad attirare l’interesse delle nuove generazioni. Non a caso soffre di un problema di ricambio generazionale, tant’è che le imprese da tempo denunciano la difficoltà a reperire sul mercato del lavoro quelle competenze che caratterizzano il Made in Italy d’eccellenza.

La moda Made in Italy ha bisogno di giovani

«Il comparto tessile, moda e accessori è in forte evoluzione e necessita di nuova forza lavoro, fondamentale per assicurare la tenuta del sistema del Made in Italy. È quindi imprescindibile investire sia nella formazione professionale, sia nel diffondere tra le giovani generazioni la conoscenza delle diverse competenze e opportunità del settore. Per questo motivo, Hind e Holding Moda hanno deciso, in collaborazione con La Fabbrica, di lanciare il progetto Storie di futuro – Made in Italy con l’obiettivo di avvicinare i più giovani alle professioni della moda», spiega Claudio Rovere, fondatore e presidente di Hind-Holding industriale.

«La scelta di investire in un progetto di medio-lungo periodo, quale Storie di Futuro, rientra in una più ampia visione strategica del Gruppo, che ha portato Holding Moda a dare vita nel 2020 ad Accademia Holding Moda, la scuola di specializzazione per formare le maestranze di cui la nostra industria ha bisogno e favorire il ricambio generazionale nelle aziende del Gruppo», aggiunge Claudio Rovere.

Un servizio di orientamento utile a tutti

Insomma, Storie di futuro – Made in Italy offre l’occasione per valutare la possibilità di un futuro nella moda a partire dalla scelta della scuola superiore.

Pur limitato alle 6 regioni dei distretti tessili, storiedifuturo.it è comunque un canale utile per tutte le ragazze e i ragazzi che vogliono chiarirsi le idee su un possibile percorso di studi a indirizzo moda. Gli istituti superiori con questa specificità ci sono anche in altre regioni.

0 Shares:
Leggi anche
Leggi tutto

Quanta acqua si consuma per produrre vestiti?

L'abbigliamento consuma 62 miliardi di metri cubi di acqua all'anno. Un quantitativo abnorme utilizzato per produrre vestiti che spesso nemmeno ci servono. Consigli per risparmiare acqua negli acquisti e nell'uso dell'abbigliamento.